La pubblicazione collettiva di Cremonapalloza

Nessun dove

N
Neil Gaiman Nessun dove
Categoria:
Autore:
Genere:
Editore:
Published: 3/10/2002

Procedimento inverso: serie tv, libro, fumetto (e forse un film?). Alquanto differenti i risultati. Cominciamo col dire che è molto difficile sapere della serie tv (almeno qui in Italia), realizzata per la BBC nel 1996, e partiamo col libro che un grazioso sconto ci consente (consentiva, ora non più). Bella storia, narrata bene e fantasiosa (sussisteva qualche dubbio al riguardo?) su un’ipotetica «Londra di Sotto», dove, in un misto di storia e magia, vivono una serie di personaggi invisibili (sarebbe più corretto dire «ignorati») con i quali entra in contatto il giovane «che lavora nella sicurezza» Richard Mayhew, nell’atto di aiutare la giovane Lady Porta a fuggire dagli assassini che la cercano. Alti e bassi, però, nel fluire del racconto: alcuni capitoli sono veramente convincenti, mentre altri sembrano così di passaggio che non si vede l’ora di terminarli. In ogni caso, per l’ennesima volta, Neil Gaiman dà un esemplare sfoggio di fantasia nel creare un ulteriore mondo oltre agli innumerevoli già sfornati, la cui forza non pesa sulla spettacolarità, i colpi di scena (prevedibili) o gli intrecciatissement.
Si diceva quanto fosse difficoltoso reperire la versione fiction di Nessun dove. Per chi fosse interessato, è possibile ottenere informazioni al riguardo cercando il titolo originale, Neverwhere: la serie risulta trasmessa nel lontano 1996 su un canale della BBC. Tale prodotto è immediatamente caratterizzato da due peculiarità:
• probabilmente è la serie a più basso budget che abbia mai visto (coadiuvata da una qualità vhs in scadenza);
• il libro che ne deriva non modifica la storia o i dialoghi e, a esclusione del Marchese di Carabas e di Hunter, le caratterizzazioni dei personaggi sono sostanzialmente identiche.
Per contro, ascoltare i dialoghi in inglese migliora nettamente l’idea che ci si è fatti dei personaggi, insinuando qualche interrogativo su una traduzione italiana che non rende. La serie ricorda alcuni vecchi telefilm, a metà tra fantascienza e horror, dai titoli ormai dimenticati. Geniali i personaggi (e direi gli attori) nei casi di Mr. Croup e Mr. Vandemar, buoni tutti gli altri e mediocri Hunter (a cui il libro dona anche maggior spessore) e il Marchese di Carabas. Purtroppo, l’impatto e la crudezza di alcuni paragrafi viene sminuita dalla pochezza tecnica a disposizione della rappresentazione televisiva, dando un risultato ingenuo, che probabilmente permette una visione aperta a tutti.
Consigliato ai cultori del genere e di Gaiman in generale.

Firma

Avatar
Daniele Conca

non c'è spazio a sufficienza per scrivere tutto.

Aggiungi commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La pubblicazione collettiva di Cremonapalloza

Daniele Conca

Avatar

non c'è spazio a sufficienza per scrivere tutto.

Sto leggendo

Categorie

Ultime recensioni

Guida galattica per gli autostoppisti

Guida galattica per gli autostoppisti

È difficile scrivere qualcosa che non sia già stato scritto intorno alla Guida galattica per gli autostoppisti, con cui Douglas Adams (1952-2001) si è

Il piccolo libraio di Archangelsk

Il piccolo libraio di Archangelsk

Il piccolo libraio di Archangelsk è un buon libro, come non può che essere un libro di Simenon, anche al difuori dei romanzi del commissario Maigret.

Charlotte Roche Zone Umide

Zone umide

Zone umide è un bel libro. Non diventerà mai un classico della letteratura (visti anche gli argomenti trattati), ma se in poco tempo dalla data di pub

Tags

Andrea Cisi Charlotte Roche Dalai Daniel Pennac David Foster Wallace Douglas Adams Einaudi essay Fandango fantasy Fanucci Feltrinelli feminism fiction Georges Simenon horror humor Lester Bangs London Below Los Bros Hernandez Love and Rockets Magic Press Malaussène Mine vaganti Minimum Fax Mondadori mystery Neil Gaiman Oscar Draghi Raymond Queneau Rizzoli Strade Blu The Sandman The World of Neverwhere Various