Pubblicazione Collettiva targata Cremonapalloza

Zazie nel metró

Z
Raymond Queneau Zazie nel metró
Categorie:
Genere:
Editore:
Published: 4/4/2005
Zazie, una ragazzina ribelle e insolente, arriva nella Parigi degli anni '50 dalla provincia. Il suo sogno è vedere il metró; ma se uno sciopero glielo impedisce, nessuno può trattenerla dal salire su quella giostra vorticosa che per lei diviene Parigi. Fugge disinvolta dall'olezzo dello zio, ballerino travestito, per incontrare, grazie alla sua vitalità straripante, una galleria eterogenea di personaggi: un conducente di taxi, diabolici flic, la dolce Marceline, una vedova consolabile, un calzolaio malinconico…

Presente la graziosa Cappuccetto Rosso? Dunque, fate conto che sia francese, abbia uno zio che di professione fa il ballerino travestito e che la ospita nella sua casa di Parigi mentre la mamma, divorziata, passa un fine settimana con il suo ultimo amante, insegnate a questa bambina un linguaggio volgare, un comportamento irriverente, abbondante disprezzo per l'autorità è una voglia matta di vedere il metró. Ecco, lei si chiama Zazie e ha dodici anni.
Nella Parigi degli anni '50, popolata dai più strani personaggi del tempo, lei si aggira, con singolare indipendenza e disinvoltura, decisa a scoprire un mondo finora sconosciuto. Non riesce a visitare la metropolitana, il suo desiderio più ardente, ma in compenso, complice la sua precocità straordinaria, si fa abbordare da un satiro, amante di travestimenti, conosce nuove persone, tra le quali Laverdure, un pappagallo parlante, Marceline, la dolce compagna di Gabriel, lo zio, la signora Mouaque, vedova sì, ma ancora fin troppo esplicitamente in cerca di un compagno, che troverà in Trouscaillon, il satiro, ora poliziotto. E poi jeans rubati, funambolici giri in tassì, improbabili locali notturni e una esilarante guerra contro preti e polizia.
Ad avere partorito Zazie nel Metró è stato il più illuminato degli scrittori del secolo scorso, Raymond Queneau, maestro di calembours (e di tante menti illuminate del nostro tempo, anche italiane: basti pensare a Bergonzoni) e geniale, oltre che nella costruzione della trama, nella caratterizzazione dei personaggi: frequenti ripetizioni di motti ed esplicite idee sociologiche caratterizzano tutti i suoi soggetti (Cidrolin, protagonista de I fiori blu, riassume bene entrambe queste caratteristiche), che sono comunque ottimamente delineati da una sintetica quanto precisa descrizione fisica.
Zazie nel metró è un libro sotto tutti i punti di vista nuovo (soprattutto se consideriamo che fino trent'anni prima Verga stava ancora scrivendo i suoi mattoni), con una trama avvincente, contenuto perfettamente dosato e uno humour che fa da filo conduttore a tutta la fiabesca vicenda, ma che non preclude, in alcuni momenti, scene veramente ricche di suspance. Scrivere un libro con una trama come questa ed evitare che si trasformi in spazzatura, proprio per la sua assurdità, sarebbe risultato impossibile per qualsiasi scrittore del tempo, ma Queneau, che allora aveva già dimostrato di avere molti conigli nel cappello con Esercizi di stile, ha talento e padronanza tecnica necessari per trasformare una fiaba in un capolavoro.
Le descrizioni, spesso il punto debole di molti romanzi del tempo (ognuno dei libri di Calvino, per esempio, che tra l'altro ha anche tradotto Queneau), sono perfettamente inserite nel contesto è non lasciano mai rallentare la lettura, anzi fortificano il pregio di un libro che può vantarsi al contempo di essere scorrevole e particolareggiato.
La perizia dello scrittore, lungi dall'essere offuscata da una storia fin troppo coinvolgente, è resa estremamente palese da un frequente ma ciononostante calibrato uso di figure retoriche, come evidenzia Louis Malle, il regista che si è assunto il gravoso onere di trasporre la piccola Zazie sul grande schermo, definendo il libro «un inventario di tutte le tecniche letterarie». Zazie è dunque una piccola Ulisse, con la differenza che, se è vero che Odisseo è in realtà (almeno secondo Brasioli, che comunque si è dimostrato di gran lunga superiore a tutti i commentatori di Omero e Dante) non un uomo teso alla scoperta, ma un adolescente spinto da un infantile desiderio di provare qualcosa di nuovo, Zazie, pur essendo anagraficamente ancora una bambina, ha una sensibilità e una maturità veramente adulte: è questo che permette al libro, che per la sua trama avrebbe potuto facilmente trasformarsi in una lettura adolescenziale, in un romanzo veramente imperdibile.

Riguardo l' autore

Avatar
Matteo Codella

Aggiungi commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pubblicazione Collettiva targata Cremonapalloza

Matteo Codella

Avatar

Sto leggendo

Categorie

Ultime recensioni

Il piccolo libraio di Archangelsk

Il piccolo libraio di Archangelsk

"Il piccolo libraio di Archangelsk" è un buon libro, come non può che essere un libro di Simenon anche al di fuori dei romanzi dell'ispettore Maigre

Charlotte Roche Zone Umide

Zone umide

Zone umide è un bel libro. Non diventerà mai un classico della letteratura (visti anche gli argomenti trattati), ma se in poco tempo dalla data di p

Neil Gaiman Nessun dove

Nessun dove

Procedimento inverso: serie tv, libro, fumetto (e forse un film?). Alquanto differenti i risultati. Cominciamo col dire che è molto difficile sapere

Tags