Pubblicazione Collettiva targata Cremonapalloza

Pinketts e Montolli a Crema

P

Il 24 aprile scorso si è tenuto, al Klejnot di Crema, un incontro con gli scrittori Andrea G. Pinketts e Edoardo Montolli.

La serata, organizzata dal meritorio ente culturale cremasco Caffè; Letterario, avrebbe dovuto vedere una sorta di match pugilistico tra i due autori, una sfida scherzosa che avrebbe dovuto contrapporre i due scrittori sul campo comune dei thriller e dei romanzi di inchiesta. In realtà l’amicizia e la stima tra i due è tale e tanta che la sfida, per quanto scherzosa, è fallita immediatamente. La serata non ha comunque perso il suo interesse, anzi il numeroso pubblico ha potuto scoprire che tra il più famoso Pinketts (personaggio ormai anche televisivo) e il quasi esordiente Montolli ci sono più affinità e punti di contatto di quanto ci si potrebbe aspettare. Il filo del discorso dei due ha ripercorso le rispettive vicende umane e professionali, evidenziando comuni percorsi che partendo dal giornalismo di inchiesta – quello vero, ci tiene a precisare Montolli, non quello de Le iene – approdano al romanzo noir e alle librerie.

Pinketts sforna libri a ritmo serrato da quasi quindici anni, l’ultimo è L’ultimo dei neuroni, mentre Montolli, che incidentalmente è forse il critico più ferrato sull’opera di A.G.P., ha presentato da poco il suo Tribù di notte, viaggio nelle ultime perversioni di tendenza, come recita il sottotitolo.

La serata scorre via allegra sospinta dalla verve di Pinketts e dalle storie non proprio ordinarie che i due evocano e che fanno capire che quello che finisce nei loro libri è reale ed è solo una parte della realtà con cui entrano in contatto, a volte anche insieme. Molti dei fan dei romanzi pinkettsiani sobbalzano alla rivelazione che almeno due personaggi che affiancano Lazzaro Santandrea, il detective protagonista, sono semplicemente la trasposizione su carta di persone reali. Qualcun altro stupisce quando Montolli racconta episodi di vita notturna vissuti con Pinketts, ai limiti del pulp.
Alla fine di una serie di rimpalli di storie, battute e racconti, si è grati di non aver assistito all’annunciata sfida perchè; è chiaro a tutti che i due, pur diversissimi per immagine, carattere e diciamolo, fama, sono uno l’alter egodell’altro e non avrebbe avuto senso contrapporli.

Alla fine quello che resta è il piacere dell’immersione in una sfera culturale e letteraria ben lontana dallo stereotipo cerebrale e introspettivo (ma chi conosce almeno un libro di Pinketts può; immaginarlo) e la voglia di prendere (o riprendere) in mano i libri dei due per ritrovare su carta parte dell’universo evocato dai due in una piacevolissima ora cremasca.

Riguardo l' autore

Avatar
Matteo Codella

Aggiungi commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Pubblicazione Collettiva targata Cremonapalloza

Matteo Codella

Avatar

Sto leggendo

Categorie

Ultime recensioni

Il piccolo libraio di Archangelsk

Il piccolo libraio di Archangelsk

"Il piccolo libraio di Archangelsk" è un buon libro, come non può che essere un libro di Simenon anche al di fuori dei romanzi dell'ispettore Maigret.

Charlotte Roche Zone Umide

Zone umide

Zone umide è un bel libro. Non diventerà mai un classico della letteratura (visti anche gli argomenti trattati), ma se in poco tempo dalla data di pub

Neil Gaiman Nessun dove

Nessun dove

Procedimento inverso: serie tv, libro, fumetto (e forse un film?). Alquanto differenti i risultati. Cominciamo col dire che è molto difficile sapere d

Tags