Antica Osteria del Quinto

A

Asso di fiori

L’Antica Osteria del Quinto nel 2004 festeggia i dieci anni dell’attuale gestione, e sono stati dieci anni di successi se è vero com’è vero che Quinto, a dispetto di mode e tendenze, è sempre rimasto tra i locali di punta della vita notturna cremonese.
Nato come osteria di poche pretese, i suoi elementi distintivi iniziali erano buon vino venduto a litri, luce soffusa e ambiente a prova di vandali, nel senso che nessuno faceva storie se rovesciavi il vino, sbaiolavi in terra e incidevi il tuo nome sui tavolacci di legno. In realtà questo è il tipo di locale che a Cremona ha poca fortuna, ma Quinto aveva dalla sua una fortuna inaspettata: la collocazione strategica.
Al di fuori della cerchia cittadina, confinato in una frazione di cui neanche gli abitanti conoscono il nome, invisibile finchè; non ci si finisce dentro, Quinto è raggiungibile solo a patto di sapere dov’è. Questa caratteristica apparentemente negativa ha un risvolto fondamentale: da Quinto non ci si finisce per caso.
Ci si va la prima volta perchè; ce ne parla qualcuno che c’è già stato e sa come arrivarci. E ci si va in macchina, perchè; è impensabile fare altrimenti, il che permette di tenere lontane le compagnie scolastiche e adolescenziali. Le compagnie, non gli adolescenti, si badi bene, che sono la linfa vitale del suo continuo rinnovamento, epperò i giovanissimi presenti sono solo quelli abbastanza scafati da frequentare persone più grandi, quindi automunite, e questa selezione naturale ha l’ulteriore effetto benefico di favorire l’afflusso femminile, il che non guasta mai in nessun locale.

Poi ci si torna per tanti motivi: perchè; ci si è trovati da un’altra parte, ma non si sa dove andare e siccome lì c’è parcheggio… Tanto si è già in compagnia e se non c’è posto per tutti si va via al volo (ma si finisce ad aspettare che si liberi un tavolo). Ci si va perchè; è bello fare i coglioni sulla Via Sesto a 100 km/h e se ci si è andati in moto si può continuare a farlo sgasando davanti all’ingresso, così tutti vengono a vedere chi è che fa lo sborone. Ci si va per giocare a carte o perchè; così poi si va al Nuvolari che è vicino. Ci si va perchè; ha l’arredo fighetto con le sedie tigrate e le lampade in ferro battuto o perchè; hanno i tavoli di pietra e il gazebo della birra. Perchè; mettono la lounge o perchè; mettono il reggae, perchè; si sta tranquilli o perchè; sono tutti lì e ci si può far vedere. Ci vanno quelli che non escono mai e i protagonisti della vita mondana, i metallari e i cannaioli, le coppie e le compagnie numerose. Ci si va a vent’anni, a trenta e anche a quaranta. A bere birra, vino o cocktail. Ci si va perchè; d’estate è il posto più fresco di Cremona (per forza, è in piena campagna!) o perchè; si mangia bene. Perchè; i camerieri sono fighi o perchè; le cameriere sono fighe.
Insomma, ogni cliente vi può citare il suo buon motivo per andare da Quinto, e spesso le motivazioni degli uni sono in contraddizione con quelle degli altri, ma allora qual è l’elemento che accomuna gli astanti che affollano l’osteria?
Beh, sono tutti cremonesi!
Quinto soddisfa alla perfezione le comuni esigenze di ogni nottambulo cremonese: esclusività e popolarità.
Bandite le cricche di adolescenti ciclisti che infestano i sabati del centro, spariti i genitori tassisti che intasano Jungle e dintorni, assenti gli sprovveduti e ignari (nonchè; rari) immigrati nella Cremona notturna che si chiedono cosa facciano i cremonesi prima di affollare Nec Ente, Nuvolari e discoteche varie per le quali loro hanno sfidato muri di nebbia e chilometri di desolata campagna, evitate tutte queste sciagure, solo qui il cremonese si sente veramente a suo agio. I frequentatori di Quinto sembrano tutti guardarsi come a dire: «Anche tu qui?». «Certo, pensavi mica che andassi in centro con il casino che c’è!», ma sono ben contenti di ritrovare il brulichio di conoscenti, facce note, e magari di scoprire legami insospettati, materiale per nuovi succosi pettegolezzi da riferire e modificare all’infinito, senza invasioni “straniere” del proprio microcosmo.
L’altra grande insidia del locale cremonese, il sempre-il-solito-postismo, è tenuto abilmente a bada grazie al rinnovo effettivo e progressivo dell’ambiente che cambia e cresce con i suoi clienti, e da quello apparente legato alla differenza tra le versioni estiva e invernale, che dà l’illusione di frequentare locali diversi, e in perfetta sintonia con la dicotomia del clima e del conseguente abbigliamento padano.
Quinto rappresenta il perfetto distillato dei luoghi di ritrovo nostrani e un luogo privilegiato, quasi un laboratorio, per studiare e analizzare il comportamento di quella strana specie che popola le terre sulla sponda sinistra del Grande Fiume.

Riguardo l' autore

Aggiungi commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

di Q

Q

Categorie

Commenti recenti

Articoli recenti

Archivi